Riqualificazioni energetiche di edifici

Non sprechiamo energia!

 
Cos'è la riqualificazione energetica?
Con riqualificazione energetica di un edificio si intendono tutte le operazioni che permettono di contenere i consumi di energia, ridurre le emissioni di inquinanti ed il relativo impatto sull'ambiente, migliorare il comfort degli ambienti interni, ottimizzare la gestione impiantistica, utilizzare in modo razionale le risorse attraverso lo sfruttamento di fonti energetiche rinnovabili in sostituzione dei combustibili fossili.

Da dove partire?

Cappotto, serramenti, caldaia.... NO niente di tutto questo! La prima operazione da fare è incaricare un professionista che provveda a fare la "diagnosi energetica" del proprio fabbricato, un vero e proprio check up che permette di valutare tutti i parametri "energetici" propri del fabbricato in funzione del tipo di coibentazione dei muri, del tipo di serramenti, dall'esposizione, dai confini ma anche della dotazione impiantistica. Cosa ricaviamo? Una serie di informazioni preziosissime che in sede progettuale possono farci capire su cosa è meglio intervenire anche in funzione del diciamo "rapporto qualità prezzo" che nel nostro caso è definito come tempo di ritorno dell'investimento. Si perché riqualificazione significa "occhio di riguardo" per l'ambiente ma anche valutazione economica. Lo Stato italiano, già da oltre 10 anni, ha messo in piedi politiche di agevolazione (detrazioni fiscali) per chi decide di riqualificare il proprio immobile perché, anche grazie al Protocollo di Kyoto, ha la missione di far comprendere alla popolazione la necessità di un cambio di rotta nelle emissioni di anidride carbonica (CO2) dei quali i fabbricati sono la causa principale.

Quali sono i principali interventi?
Riqualificare energeticamente il fabbricato consiste nell'intervenire per migliorare le parti dell'edificio che determinano uno spreco di energia. Non è detto che la nostra abitazione sia un "colabrodo" e che si debba prendere in considerazione ciascuna delle voci seguenti! Come citato in precedenza, infatti, la valutazione dello stato attuale del nostro immobile è fondamentale per capire dove sia meglio intervenire.
Gli interventi riguardano principalmente:
- la coibentazione delle strutture opache (muri, pavimenti, coperture)
- la sostituzione delle strutture trasparenti (serramenti, vetrate, ecc.) e/o schermature solari
- la sostituzione del generatore di calore con nuovo più efficiente (ma anche per il raffrescamento estivo!)
- il miglioramento della regolazione del calore nelle stanze o nella distribuzione dello stesso
- l'integrazione con fonti rinnovabili (solare termico, fotovoltaico)


Coibentazione delle strutture opache

Con strutture opache si intendono gli elementi dell'edificio che racchiudono il fabbricato verso lo spazio esterno (o verso locali non riscaldati o a temperatura necessariamente più bassa) quali murature, solai, coperture, pavimenti.
Coibentare queste strutture significa collocare materiali isolanti che permettano di disperdere meno energia termica verso l'esterno o verso locali freddi. Contenere le dispersioni risulta la prima arma vincente anche per gestire in modo più efficiente gli impianti di riscaldamento e di raffrescamento.

Sostituzione serramenti e/o schermature solari
I serramenti seppur di superficie molto inferiore rispetto al muro determinano una notevole dispersione termica ancor più marcata se parliamo di serramenti di 30/40 anni fa. Il calore che disperde una superficie vetrata per ogni metro quadrato può essere il triplo (ma anche più!) di quello che disperde un metro quadrato di una normale parete di casa.
La scelta del serramento deve essere improntata non solo sulla bellezza estetica e sulla dicitura commerciale "serramento per detrazione fiscale". Ci si deve sforzare di capire quale tipo di vetrata fa al caso nostro perché tale scelta influenza anche la capacità di proteggere i nostri ambienti dall'eccessivo irraggiamento solare nel periodo estivo!
L'installazione di uno schermo solare regolabile a protezione di aperture finestrate permette di esercitare il controllo della luce naturale e di conseguenza controllare l'irraggiamento solare nell'arco della giornata.

Sostituzione del generatore
Il generatore (per riscaldamento, raffrescamento, acqua sanitaria) è un elemento fondamentale dell'impianto. Dalla sua efficienza dipende la maggiore o minore quantità di combustibile minima per fare funzionare il servizio a cui è dedicato. La scelta del tipo di generatore (a gas, elettricità, pellet, ecc.) è influenzata dal tipo di impianto installato nel proprio edificio e soprattutto se tale impianto è suscettibile di intervento o, al contrario, per qualsiasi ragione esso non debba essere parte dell'intervento di riqualificazione salvo eventuali adeguamenti delle regolazioni. Se l'emissione del calore avviene attraverso impianti a bassa temperatura (tipicamente pannelli radianti) potrò scegliere un generatore che esprima al meglio le proprie caratteristiche alle temperature di 30/40°C minimizzando così il lavoro che deve compiere la macchina per scaldare il vettore di calore risparmiando così energia e denaro.

Migliorare la distribuzione e/o la regolazione
Un'attenta valutazione dello stato dell'impianto termico è utile per verificare in quali punti il sistema è migliorabile senza necessariamente stravolgerlo. Migliorare l'efficienza del sistema di distribuzione ad esempio sostituendo un circolatore con uno più efficiente permette di migliorare il rendimento stagionale di tutto l'impianto così come migliorarne le regolazioni. Quest'ultime sono responsabili delle operazioni che l'impianto automaticamente o manualmente produce per gestire il flusso di calore dal generatore verso l'emettitore di calore (o freddo). Le regolazioni di un impianto dipendono dal grado di complessità dello stesso ed al livello di automatismo a cui si vuole puntare. Anche la sola installazione di una valvola termostatica sul termosifone lo è, e per semplice operazione che sia, ha un ottimo effetto sull'efficienza dell'impianto.

Le fonti rinnovabili
Capitolo a parte sono le fonti rinnovabili. Sappiamo tutti che le fonti energetiche fossili non sono infinite e siamo tutti concordi nell'affermare che le fonti rinnovabili sono il nostro futuro (ma in realtà già presente e da tanto tempo!) per salvaguardare il pianeta. Come si integrano le fonti rinnovabili nel mio edificio? Beh se potessimo avere acqua calda in modo gratuito o ancora pagare meno gas per il riscaldamento perché in parte ce lo consegna gratuitamente il sole non sarebbe male, no? Le tecnologie relative alle fonti rinnovabili applicate all'edilizia sono già presenti e collaudate da tempo e sono tuttora in continua evoluzione, con la ricerca di nuovi prodotti e miglioramento dell'efficienza. Basti pensare ad esempio al fotovoltaico (produzione di energia elettrica tramite pannelli) che fino a poco tempo fa era possibile sfruttare soltanto simultaneamente alla produzione, cioè, scusandomi in anticipo per l'affermazione poco tecnica, "c'è il sole faccio la lavatrice gratis, la notte pago!". Ora sono disponibili le cosiddette "pile" ossia accumulatori fotovoltaici che permettono di immagazzinare energia elettrica per poterla sfruttare, entro certi limiti, quando le condizioni climatiche non permettono il consumo simultaneo.

Mi interessa la riqualificazione energetica, cosa devo fare?
Contattaci attraverso il form sarai ricontattato in brevissimo tempo.
Un nostro professionista ti contatterà per un sopralluogo gratuito per visionare la situazione dell'immobile e per rispondere ai tuoi primi quesiti sempre in forma totalmente gratuita. In funzione delle informazioni raccolte Aedificando elabora una prima relazione sull'intervento con la stima del costo delle opere insieme valutate.
La soluzione ti interessa? Lo staff si prende "cura" del tuo immobile producendo la Diagnosi Energetica del fabbricato, elabora il progetto di riqualificazione e predispone la relazione sui benefici anche in termini economici dell'intervento. Una volta condiviso il progetto di riqualificazione si procede al perfezionamento dell'offerta economica e, dopo l'accettazione, alla predisposizione delle pratiche edilizie ed all'inizio del cantiere!
Lo staff di Aedificando è costituito da professionisti che si occupano di questa materia da oltre dieci anni e sono in grado di affrontare ogni tipo di problematica del tuo fabbricato.


Aedificando propone soluzioni specifiche riguardanti la riqualificazione energetica a Novellara e territori circostanti delle Provincie di Reggio Emilia, Modena, Parma e Mantova